Cos'è il Ethereum?

qual è il Ethereum ETH di criptovaluta

La storia di Ethereum

Il concetto di Ethereum è stato introdotto per la prima volta in un white paper scritto da un programmatore, Vitalik Buterin, nel 2013. Buterin aveva dei dubbi sui limiti dei bitcoin e riteneva che fosse necessario un nuovo linguaggio di programmazione per lo sviluppo di applicazioni. Pertanto il suo obiettivo era quello di creare un'applicazione decentralizzata in grado di offrire proprio questo. Tuttavia la sua prima proposta fu rifiutata. Elaborò quindi una nuova proposta, e questa nuova proposta è poi diventata Ethereum.

Il primo annuncio pubblico di Ethereum

E così che Ethereum è nato, e l’anno successivo è stato annunciato pubblicamente alla North American Bitcoin Conference a Miami (nel gennaio 2014). Tra i suoi fondatori c’erano Gavin Wood, Charles Hoskinson e Anthony Di Iorio. Tuttavia, solo sei mesi dopo, Hoskinson decise di abbandonare il progetto quando Buterin dichiarò che Ethereum sarebbe stata un’organizzazione senza scopo di lucro. Molte altre persone si sono unite al primo team di fondatori, la lista dei responsabili dell’esistenza di Ethereum è perciò lunga. L'elenco comprende Anthony Di Iorio, Vitalik Buterin, Mihai Alisie, Amir Chetrit, Joseph Lubin, Gavin Wood e Jeffrey Wilke.

Avvio del processo di sviluppo e finanziamento

Il processo di sviluppo formale di Ethereum ha avuto inizio nel 2014 per opera di un’azienda nota come Ethereum Switzerland GmbH. La parte più impegnativa del lavoro è stata portata avanti da Gavin Wood, all'epoca responsabile della tecnologia: è stato lui a illustrare l’idea di inserire smart contract eseguibili nella loro blockchain. Più o meno nello stesso periodo è iniziata la fase di sviluppo ed è stata creata la Ethereum Foundation.

È interessante notare che la fondazione non è stata finanziata da investitori in capitali di rischio ma da una vendita pubblica online in cui i membri della comunità di criptovalute potevano acquistare coin Ether usando bitcoin. La vendita pubblica ha generato circa 18,4 milioni di dollari poiché sono stati venduti circa 11,9 milioni di token Ethereum. Nel maggio del 2015, prima del rilascio della piattaforma, il team ha lanciato un test-net, Olympic, che ha utilizzato per elaborare funzionalità e risolvere problemi relativi al protocollo Ethereum.

L e fasi dello sviluppo di Ethereum

Il processo di sviluppo di Ethereum si è svolto in quattro fasi: Frontier, Homestead, Metropolis e Serenity. Durante la fase iniziale di sviluppo, Frontier, gli utenti potevano acquistare e vendere Ethereum ed eseguire le funzioni di base della criptovaluta. Homestead è stata la seconda fase di sviluppo e ha rappresentato la prima versione stabile di Ethereum, introdotta il 14 marzo 2016. Ci troviamo ora nella terza fase di sviluppo, Metropolis, che punta a introdurre zk-Snarks e a una diminuzione della ricompensa dei minatori. La quarta e ultima fase, Serenity, segnerà il passaggio della piattaforma da un sistema Proof of Work a uno Proof of Stake. Ma quali saranno gli sviluppi successivi? È tutto da vedere!

L'hard fork di Ethereum

Nel giugno del 2016 uno smart contract molto popolare su Ethereum è stato vittima di un attacco, durante il quale stati rubati oltre 50 milioni di dollari in Ether. Ciò ha portato a una divisione nella comunità e alla fine a una hard fork della blockchain e all'origine di Ethereum Classic.

Ethereum è una piattaforma progettata per facilitare lo sviluppo di applicazioni e sistemi. Nel maggio 2016 alcuni membri della comunità di Ethereum hanno annunciato la creazione di uno smart contract chiamato DAO, o Decentralized Autonomous Organization. Lo scopo di DAO era di operare come un fondo di capitale di rischio nell’ambiente delle criptovalute senza un'autorità centrale. Un concetto innovativo e lungimirante che ha raccolto un importo record di 150 milioni di dollari in Ether durante il suo periodo di crowdfunding.

Sfortunatamente lo smart contract DAO aveva una grave falla nel suo sistema di sicurezza, sfruttata da un hacker sconosciuto che ha portato via 3,6 milioni di Ether. L'attacco è stato possibile a causa di un cosiddetto “recursive call exploit”. La comunità e il team di Ethereum hanno proposto una soluzione per riprendersi tutti gli Ether rubati. La soluzione sostanzialmente prevedeva una hard fork sulla blockchain che avrebbe invalidato lo smart contract DAO, come se non fosse mai esistito. Questa soluzione ha causato molte polemiche all'interno della comunità di Ethereum, che alla fine si è divisa. Una parte della comunità ha continuato a sostenere la catena com’era prima della divisione che ha portato all'esistenza della blockchain Ethereum Classic.

La specifiche tecniche di Ethereum

Ticker Symbol ETH
Founder(s) Vitalik Buterin, Gavin Wood & Joseph Lubin
Date of Release 30 July 2015
Consensus mechanism Proof of Work
Hashing Algorithm Ethash
Maximum supply n/a
Average Block Time 10 – 20 seconds
Mining reward 2 ETH
Average blocksize 20 kb
Next Block Halving n/a
Smart Contracts Yes, in Solidity

Il prezzo di Ethereum

powered by Coinlib

Aspetti unici di Ethereum

Il motivo per cui Ethereum ha avuto tanto successo sin dalla sua prima versione è perché ha introdotto funzionalità innovative. La sua caratteristica più particolare sono gli smart contract, e ci arriviamo tra un secondo. Per capire correttamente come funziona Ethereum dobbiamo cominciare dall'inizio, ovvero dall’Ethereum Virtual Machine o EVM in breve.

EVM indica quella parte della rete Ethereum che utilizza la potenza di calcolo decentralizzata. Questa rete può essere descritta in modo semplice come un'enorme rete di nodi o computer collegati tra loro. Tutto ciò che accade all'interno della rete deve avvenire attraverso smart contract. Qualunque sia il tipo di transazione che si desidera avviare in Ethereum, il primo passo deve essere l’attivazione di uno smart contract.

Cosa sono gli smart contract di Ethereum?

Uno smart contract è fondamentalmente un insieme di istruzioni scritte nel linguaggio di programmazione Solidity. I contratti sono strutturati in un ordine gerarchico, il che significa che ogni serie di istruzioni deve essere implementata prima di poter passare alla serie successiva di istruzioni ed eventualmente completare il contratto. Ogni fase di uno smart contract, così come ogni transazione sulla piattaforma, è registrata e aggiornata nel ledger di Ethereum.

Ciò significa che ogni partecipante al contratto è ritenuto responsabile delle proprie azioni. Grazie a questa funzione Ethereum elimina la possibilità di truffe e imbrogli. Non è possibile fare una mossa nella rete senza che la tua ID sia collegata ad essa. Un altro grande vantaggio dell'utilizzo di Ethereum è che consente di effettuare transazioni senza terze parti e intermediari.

Il concetto di Gas

Un altro termine da comprendere prima di iniziare a utilizzare Ethereum è “gas”. Proprio come un veicolo utilizza il carburante per muoversi e accelerare, Ethereum implementa un concetto simile al suo interno: gli utenti hanno bisogno di gas per avviare una transazione o completare un passaggio in uno smart contract. In altre parole ogni azione sulla rete Ethereum ha un costo dovuto alla potenza di elaborazione richiesta. Questi costi sono misurati in gas. La parte che richiede uno smart contract deve pagare per il gas in Ether, che è la valuta nativa di Ethereum.

Ethereum come ambiento aperto

L’unicità di Ethereum sta nel fatto che non è solo una cripto valuta, ma anche una piattaforma interattiva aperta che consente a chiunque di utilizzare la tecnologia blockchain. Le persone possono mettere in piedi i loro progetti o applicazioni decentralizzate usando smart contract e gas all'interno di Ethereum. Le app decentralizzate in Ethereum sono di proprietà delle persone che acquistano i token specifici dell'app a cui sono interessati.

Gli ICO e i token sulla blockchain Ethereum

In altre parole, quando si partecipa a una crowd-sale si ottiene una quota dell'app decentralizzata pagandola con token di utilizzo. Queste crowd-sale e raccolte di fondi nel mondo delle criptovalute sono conosciute come Initial Coin Offerings o ICO in breve. Durante una crowd-sale le persone possono acquistare token di app decentralizzate specifiche.

Potrebbe non esserti chiaro il motivo per cui devi utilizzare Ether per acquistare token invece di utilizzare direttamente Ether per acquistare le app: ecco un esempio concreto che potrebbe aiutarti a capire. Quando vai in un centro Arcade di solito paghi all’entrata per un certo numero di gettoni che poi utilizzi per attivare le macchine Arcade. Non usi il denaro con cui hai pagato, ma i gettoni che ti hanno dato all'ingresso.

In questa analogia il centro Arcade è l'applicazione decentralizzata, i gettoni che ti sono state dati sono i token e il denaro che hai usato all'entrata è Ether. Questo processo rende i processi più veloci e più facili all'interno della rete Ethereum. La maggior parte degli sviluppatori di app decentralizzate ottiene i propri finanziamenti tramite un ICO di crowdfunding, in cui le persone possono investire in progetti acquistando i token di determinate app.

Perche utilizzare Ethereum?

L’aspetto più interessante della piattaforma Ethereum è la possibilità di ideare progetti, combinata con l'implementazione e l'usabilità dei token. Con lo standard token ERC-20 gli utenti sono in grado di implementare smart contract per la creazione di token. Questa caratteristica tecnologica innovativa rende speciale la rete Ethereum.

Lo standard token di Ethereum ERC20

Lo standard token ERC20 di Ethereum è diventato lo standard tecnico all'interno della rete Ethereum. Di conseguenza la maggior parte dei token rilasciati sulla rete Ethereum utilizza questo standard ERC20. Uno dei motivi della popolarità di ERC20 è la semplicità di implementazione. Questo aspetto, insieme all'interoperabilità che può essere utilizzata con altri standard di token Ethereum, lo rende lo standard di default più adatto per tutte quelle aziende che lavorano su un ICO. Un ICO, acronimo di Initial Coin Offering, è paragonabile alla fase di crowdfunding di un progetto.

Lo standard token include anche alcune funzionalità di base. Ad esempio il modo in cui ERC20 gestisce l'accesso a informazioni specifiche e il trasferimento di token. Queste funzioni consentono agli sviluppatori di implementare contratti per la creazione di token senza la necessità di modificarli ogni volta che viene sviluppato un nuovo token. Dall'agosto del 2019 il numero di diversi tipi di token ERC-20 è aumentato fino a circa 200.000 e questo numero è in aumento ogni giorno.

ERC-721

Un altro standard di token aperto che offre possibilità nel mondo della creazione di token è lo standard ERC-721. Questo standard consente di definire un contratto in cui è possibile creare token non fungibili/unici. Un esempio di implementazione è un gioco digitale in cui un oggetto o un oggetto virtuale ha un token unico corrispondente all'oggetto nel gioco. Ad esempio, Cryptokitties è un gioco in cui è possibile raccogliere oggetti unici i cui valori individuali sono variabili. Anche se non c’è l’intercambiabilità di ERC20, questa configurazione potrebbe consentire al mercato di dettare il prezzo di questi singoli oggetti di gioco.

Ethereum come World Computer

Ethereum è conosciuto anche come “World Computer”, e a ragione. Questa intricata rete si basa su migliaia di nodi e funziona 24 ore su 24, 7 giorni su 7, il che la rende una scelta affidabile. Oltre alla mancanza di un intermediario, l'usabilità di Ethereum è considerata un grande vantaggio. Ancora più importante, Ethereum è una rete aperta che consente a chiunque di partecipare con progetti decentralizzati, se hanno abbastanza Ether da pagare per il gas. In sostanza Ethereum offre numerosi vantaggi concreti, come ad esempio il fatto che i servizi possono essere eseguiti senza la necessità di un intermediario, o l’aspetto della sicurezza, evitando frodi per mezzo della tecnologia blockchain.