Previsioni sul prezzo di Bitcoin (BTC) dal 2023 al 2026

- 5 minute read

Luuk van der Meijden
Luuk van der Meijden

Le ultime settimane non sono state facili per gli HODLer di Bitcoin. Sebbene alcuni stessero già contemplando l’idea di un potenziale nuovo mercato rialzista, i risultati reali sono stati tutt’altro che spettacolari. FTX ha avuto dei problemi di insolvenza e ha dichiarato bancarotta. Tantissime diverse parti correlate sono collassate, e sono perfino circolate voci sull’insolvenza di Genesis. Alcuni non hanno osato aprire i propri portfolio, mentre altri hanno gioito per il crollo e hanno comprato monete a un prezzo scontato. Dato che Bitcoin (al momento della scrittura) si aggira intorno ai 16k, tutti si fanno  una domanda: cos'altro possiamo aspettarci da Bitcoin nel 2023, 2024 e 2025?

Tabella dei contenuti

  1. Cos’è Bitcoin?
  2. Storico di prezzo di Bitcoin
  3. Bitcoin, cosa aspettarsi nel 2023?
  4. JPMorgan & Bitcoin
  5. Previsioni sul prezzo di Bitcoin dal 2023, 2024 e 2025
  6. Previsioni su BTC a breve termine

 

Cos’è Bitcoin?

Ok, questa domanda sembra un po’ ridondante, ma diamo una rapida panoramica per chi è appena entrato nel mondo delle criptovalute. Bitcoin è una valuta (digitale) decentralizzata, creata nel 2009 da Satoshi Nakamoto. Questo nuovo ecosistema finanziario è gestito e distribuito tramite l’uso della cosiddetta blockchain, un database decentralizzato. In parole povere, Bitcoin è (per citare testualmente Satoshi) un sistema di moneta elettronica peer-to-peer. Essendo decentralizzato, non sono presenti banche o terze parti dietro le quinte. Tutte le transazioni vengono verificate e messe in sicurezza dalle persone che gestiscono la rete sui propri dispositivi, rendendo i pagamenti diretti e senza confini. Un ecosistema finanziario gestito da persone, per le persone.

Potremmo parlare di Bitcoin per ore, ma volevamo semplicemente dare una descrizione per gettare le basi per questo articolo. Per quanto riguarda Bitcoin, possiamo concludere che:

  • Bitcoin è la prima criptovaluta ed è anche la più grande in termini di capitalizzazione di mercato;
  • Il massimo storico di Bitcoin è stato di $69.044 il 10 novembre del 2021;
  • Le criptovalute (e dunque Bitcoin) sono note per la loro volatilità e vanno incontro a diversi cicli 'boom and bust;
  • Bitcoin è anche noto per il suo uso della blockchain, un database distribuito decentralizzato (ledger) che funziona su una rete di dispositivi (computer).

Bitcoin ha ricevuto tantissima attenzione a causa dei suoi costanti movimenti di prezzo. Il prezzo di Bitcoin ha visto alti e bassi per anni. Una valuta che sale da $1 nel 2011 a 69K a novembre 2021 naturalmente riceve un po’ di attenzione a lungo andare. Anche se Bitcoin non è tangibile, è valutata in modo così alto grazie alla legge della domanda e dell'offerta, dei costi di produzione e della scarsità. A novembre 2021, Bitcoin aveva una capitalizzazione di mercato totale di $1,11 trilioni, una cifra impressionante se consideriamo che Bitcoin è ancora nelle fasi iniziali della tecnologia e implementazione.

 

Storico di prezzo di Bitcoin

Il prezzo di Bitcoin è l'argomento più discusso nel mondo delle criptovalute. Le persone che non sanno nulla di criptovaluta vengono costantemente esposte a titoli come “Bitcoin raggiunge un nuovo massimo storico”, nonché testate come “Il prezzo di Bitcoin crolla”. Questa estrema volatilità rende Bitcoin un argomento di conversazione molto gettonato. Ma sapevi che Bitcoin non ha superato i $25 prima del 2013 (due anni dopo la sua creazione)? In quello stesso anno, Bitcoin ha raggiunto il prezzo di $1.000. Da $25 a $1000 nel giro di un solo anno. Un tale sviluppo di mercato non è mai stato visto prima e non ci è voluto molto perché si verificasse l’effetto valanga. Acquistare Bitcoin è diventato molto più semplice (Anycoin Direct è stato fondato nel 2013) e l'attenzione dei media ha iniziato a seguire.

L’anno della svolta per BTC è stato il 2013, in cui il prezzo salì da $13 a $1.200$. Il passaparola ha funzionato e il numero di broker e fornitori di wallet è aumentato vertiginosamente. Bitcoin è diventato famoso fra nerd e primi investitori. L'anno seguente fu importante per Bitcoin, in quanto ha visto il primo importante crollo. La bancarotta di Mt. Gox ha causato il crollo di Bitcoin da $1.241 a $91. Le sue fluttuazioni estremamente volatili sarebbero successivamente diventate un aspetto ben noto del mercato delle criptovalute. Sono stati creati termini come ‘HODL’. Non sarebbe stato l’ultimo crollo di Bitcoin.

Le cose iniziarono a farsi serie nel 2017, quando un enorme flusso di acquirenti, fondi istituzionali e media, trasformarono Bitcoin da un hobby di nicchia per nerd a fenomeno finanziario. Il prezzo è passato da $707 a quasi $17K. I broker di criptovaluta e le piattaforme di scambio non riuscirono a gestire il traffico e massimo storico dopo massimo storico iniziarono a seguirsi uno dietro l'altro. Questo è l’anno in cui Bitcoin è diventato mainstream. Ma nel 2013, ha volato troppo in alto troppo velocemente. Dal suo punto più alto nel 2017 al suo punto più basso nel 2018, BTC crollò da 16K a quasi 3K. Come già detto, questi cicli di boom and bust hanno iniziato a definire le criptovalute e sono diventati un aspetto importante della strategia di investimento delle persone. Bitcoin nel corso degli anni:

  • Prezzo BTC al 2011: Più basso - € 0,3 / Più alto - € 31,9
  • Prezzo BTC al 2012: Più basso - € 3,9 / Più alto - € 15,4
  • Prezzo BTC al 2013: Più basso - € 13,2 / Più alto - € 1.241
  • Prezzo BTC al 2014: Più basso - € 91,7 / Più alto - € 1.093
  • Prezzo BTC al 2015: Più basso - € 135,85 / Più alto - € 426,79
  • Prezzo BTC al 2016: Più basso - € 314,69 / Più alto - € 937,90
  • Prezzo BTC al 2017: Più basso - € 707,06 / Più alto - € 16.727
  • Prezzo BTC al 2018: Più basso - € 2.775 / Più alto - € 15.249
  • Prezzo BTC al 2019: Più basso - € 2.928 / Più alto - € 12.223
  • Prezzo BTC al 2020: Più basso - € 5.409 / Più alto - € 23.445
  • Prezzo BTC al 2021: Più basso - € 23.758 / Più alto - € 59.716
  • Prezzo BTC al 2022: Più basso - € 15.300 / Più alto - € 42.039

Bitcoin, cosa aspettarsi nel 2023?

Sfortunatamente, non ci sono aggiornamenti o sviluppi in programma per Bitcoin nel 2023. Bitcoin non viene gestito come Ethereum o Cardano, dove un consiglio simile a un'azienda crea la tabella di marcia e dove gli aggiornamenti sono all’ordine del giorno. Questo rende Bitcoin decentralizzato, ma anche più lento in termini di aggiornamenti e rilasci. Dunque, dovremmo dare un’occhiata a cosa gli esperti hanno da dire e concentrarci sulle aspettative economiche per il 2023, e gli aggiornamenti o i cambiamenti già programmati.

 

Inflazione globale e tassi di interesse in aumento

Bitcoin è crollato vertiginosamente e il modello PlanB è stato scartato a favore di PlanC. Celsius, Voyager, Three Arrows Capital (3AC) e FTX non sono sopravvissuti al mercato ribassista e le previsioni su Bitcoin non sono molto positive. Per usare un eufemismo, gli sviluppi economici non sono molto promettenti. L’inflazione in America era del 8,2% a ottobre e l'Europa ha raggiunto una media del 10,7%. Nei Paesi Bassi, l’inflazione è arrivata a un massimo di 14,5% a settembre. Si cerca di placare l’aumento dell’inflazione tramite tassi di interesse più alti - sia in America che in Europa, i tassi di interesse sono aumentati vertiginosamente. A novembre 2022, la Fed in America ha deciso di aumentare i tassi di interesse di 75 punti percentuali, da 3,25% a 4%, mentre in Europa, l’ECB ha aumentato i tassi al 2%. Anche se questi sono aumenti significativi rispetto agli anni passati, i critici affermano che siano ancora troppo bassi per ridurre l'attuale inflazione. 

In generale, i tassi di interesse influiscono sugli investimenti. Sia su azioni, obbligazioni e metalli preziosi, nonché su prezzi degli immobili e criptovalute. Con tassi di interesse più bassi, le aziende e i consumatori sono in grado di prendere in prestito a prezzi inferiori. Ci saranno costi generalmente più bassi con tassi di interessi più bassi. I consumatori avranno costi inferiori per mutui e prestiti per auto, per esempio, e il governo avrà meno pagamenti di interessi per guadagnare di più e più soldi disponibili da spendere per altre cose. Le aziende poi otterranno meno profitti dato che i consumatori avranno meno da spendere e loro stesse avranno costi più alti sui prestiti. I tassi di interesse più alti dunque tendono ad avere un effetto negativo sulle valutazioni degli asset, anche se questo non è sempre vero.  

Il fatto che i tassi di interesse abbiano avuto un impatto sui prezzi delle criptovalute e delle azioni viene chiaramente riflesso nei prezzi. Entrambe le classi di asset sono generalmente crollate tantissimo. Il prezzo per unità del Nasdaq-100 - le 100 più grandi aziende tecnologiche in America - è crollato di circa il 30% dall’inizio dell’anno. L’intero mercato di criptovalute è crollato da un picco di capitalizzazione di mercato di 3 trilioni a un minimo di 830 milioni; un crollo di circa 70%. Molti credono che Bitcoin possa solamente tornare a salire una volta che i problemi economici saranno terminati, l’inflazione crollata, e i tassi di interesse potranno essere riabbassati in modo che asset rischiosi siano nuovamente richieste. 

I tassi di interesse dipendono ampiamente dall’inflazione. Maggiore l’inflazione, più le banche centrali adotteranno politiche monetarie più rigorose per ridurla. Dato che i tassi di interesse in questo modo hanno un impatto maggiore sul valore di Bitcoin, le aspettative sui tassi di interesse sono sempre molto importanti per la community di Bitcoin. Insieme alla decisione sui tassi di interesse della Fed, viene indicata anche una previsione sui tassi di interesse. Si prevede che i tassi di interesse aumenteranno al 4,4% entro la fine del 2022 e al 4,6% entro la fine del 2023. Perciò, i tassi di interesse resteranno significativamente più alti rispetto al passato per un po’ di tempo. Una nuova ascesa del prezzo di unità di Bitcoin potrebbe essere un risultato lontano.

 

Bitcoin halving

Uno degli argomenti più importanti per Bitcoin riguarda i cicli di halving (dimezzamento) della rete di Bitcoin. L'halving avviene ogni quattro anni. Il ciclo di halving assicura che vengano rilasciati meno Bitcoin durante il mining, in modo che la fornitura sia fissa (21 milioni BTC). Questo è in contrasto con le valute Fiat, dove la fornitura di denaro è tutt’altro che fissa. L’ultimo halving di Bitcoin si è verificato l’11 maggio 2020. All’epoca, la ricompensa per blocco scese da 12,5 BTC a 6,25 BTC. Un blocco viene estratto approssimativamente ogni 10 minuti, anche se questo tempo è variabile. 

L’halving è una riduzione programmata della nuova fornitura dovuta al mining dei blocchi. Le ricompense di blocco erano più alte durante i primi anni di Bitcoin. Questo è stato realizzato per incoraggiare i miner a iniziare la validazione dei blocchi (e dunque le transazioni). L’idea alla base di una ricompensa di blocco in costante riduzione è che la rete Bitcoin dovrebbe, a lungo andare, essere auto-sufficiente in base alle commissioni di transazione pagate dagli utenti. 

Generalmente si presume che l’halving abbia un impatto sul prezzo di Bitcoin. Questo è logico da presumere, dato che meno Bitcoin entrano nel mercato. Questo riduce la pressione di vendita. Il primo halving ha avuto luogo a novembre 2012. Il prezzo all’epoca è rimasto a circa $11. Un anno dopo, il prezzo era circa 100 volte più altro, a circa $1100. A luglio 2016, quando sono stati estratti un totale di 420.000 blocchi, il secondo halving è diventato realtà. Il prezzo di Bitcoin è fluttuato fra $500 e $1000 dollari per diversi mesi, prima di raggiungere finalmente un massimo temporaneo di $20.000 nel 2017. Il terzo halving è avvenuto a maggio 2020. Il prezzo è salito da circa $9.000 a $69.000. 

Il prossimo halving avverrà intorno al 4 maggio 2024. Molti dibattono sul fatto che questo avrà nuovamente un grande impatto sul prezzo di Bitcoin, dato che ci saranno meno Bitcoin in circolazione. Anche se storicamente questo ha sempre causato ‘cicli’ del prezzo di Bitcoin e logicamente influisce sul rapporto fra domanda e offerta, non è garantito che Bitcoin avrà un prezzo maggiore dopo l'halving. Va aggiunto che l’influenza dell’halving sta diventando sempre minore, dato che il numero di Bitcoin che entra in circolazione tramite le ricompense di blocco è in diminuzione. 

 

Previsioni sul prezzo di Bitcoin

Il collasso e la conseguente bancarotta di FTX hanno avuto un impatto negativo sul prezzo di Bitcoin e altre criptovalute. Inoltre, sono circolate voci sul fatto che parti correlate come Crypto.com e perfino Genesis stessero avendo problemi. Con questo, il mercato ribassista sembra essere al suo nadir. Alcuni dicono che i cicli siano necessari in un mercato libero per mantenere l'efficienza e una buona produttività. I partecipanti del mercato non vengono comprati dal governo per evitare la bancarotte e smetteranno di esistere. Questa pulizia di mercato rimuove anche la leva (l’uso di denaro preso in prestito) dal sistema, come è stato fatto prima nel mercato delle criptovalute. Ma questo tipo di pulizia di mercato non avviene solo nel mercato delle criptovalute. Consideriamo, per esempio, la bolla di Internet (dot-com bubble) in cui, dal 1997 al 2000, i prezzi delle azioni delle aziende internet hanno ottenuto enormi valutazioni. Nel 2000, questa bolla è scoppiata e i prezzi delle azioni sono collassati. Eventualmente, le aziende esistenti come Google e Amazon sono sopravvissute e ora valgono un sacco di soldi. Il fatto che questa pulizia sia ora completa nel mercato delle criptovalute e che siano state gettate le basi per una nuova ascesa è una domanda difficile a cui dare risposta. 

Nelle nostre precedenti previsioni sul prezzo di Bitcoin, abbiamo anche evidenziato previsioni conservative. Per esempio, quella di Will Harborne, il CEO della piattaforma di scambio decentralizzata DeversiFi. “Siamo in una bolla” ha affermato Harborne. “Ci sono state diverse bolle lungo la storia delle criptovalute, e questa non è necessariamente una cosa negativa, perché viene creato valore reale e le persone speculano su questo e tutti stanno guardando troppo in là. Questa bolla ora sembra essere scoppiata (parzialmente). Tuttavia, il CEO non vuole allegare una previsione alla sua affermazione, dichiarando che chiunque provi a predire il mercato ha torto.

Nonostante le notizie delle ultime settimane, il miliardario Tim Draper è ancora estremamente positivo per quanto riguarda Bitcoin. Nonostante il fiasco di FTX, Draper afferma: "Nessun cambiamento nelle mie previsioni sul prezzo. Mi aspetto ancora che Bitcoin raggiunga i $250.000 all’inizio dell'anno prossimo.’ La caduta delle parti centrali attrarrebbe più partecipanti alla DeFi. Ma un prezzo di $250.000 significherebbe che Bitcoin ha ancora bisogno di crescere di un fattore di circa 15. Questo sembra piuttosto ambizioso data la tendenza di prezzo nelle scorse settimane. C’è però da dire che Tim Draper ha fatto analisi di prezzo accurate su Bitcoin in passato, come l'ascesa a $20.000 nel 2020. 

Molte persone sono andate al di là della previsione di 98K  di PlanB e il suo modello Stock-to-flow per Bitcoin ha ricevuto tante critiche. Eppure, PlanB ha recentemente fatto nuove affermazioni su Twitter e resta positiva sulle tendenze di prezzo future. La caduta di FTX è, secondo PlanB, solo un problema di second’ordine. 'Il numero di Bitcoin che attualmente risultano in profitto è del 55%. Questo aumenterà di nuovo’. 

JPMorgan & Bitcoin

JPMorgan Chase & Co è la più grande banca degli Stati Uniti. Il CEO Jamie Dimon è stato molto critico su Bitcoin in passato, ma ultimamente sembra che la banca di investimento multinazionale stia lentamente cambiando la sua opinione. Anche se JPMorgan è ancora conservativa, ha rilasciato un aggiornamento dicendo che Bitcoin al momento è sottovalutato. JPMorgan stima che il valore realistico di un Bitcoin sia di $38.000. Ha inoltre registrato un marchio per i propri wallet il 21 novembre 2022. Questo permetterebbe loro di inviare, fare trading, elaborare pagamenti e offrire account di valuta virtuale d’ora in avanti. Questo potrebbe avere un effetto estremamente positivo sul prezzo di Bitcoin e altre criptovalute a lungo andare. 

Chiaramente, ci sono diverse prospettive per Bitcoin. Le opinioni sono divise. In generale, un sentimento negativo prevale ora che diverse parti centrali sono recentemente collassate all’interno del dominio delle criptovalute. Ciononostante, gli sviluppi attorno a Bitcoin continueranno. Ulteriori sviluppi della rete Lightning e casi d’uso nella vita reale giocheranno un ruolo integrale per quanto riguarda l'adozione rapida al di fuori della scena delle criptovalute. Se hai dei dubbi, guarda il quadro generale.

 

Previsioni sul prezzo di Bitcoin dal 2023, 2024 e 2025

Le previsioni specifiche molti anni prima sono impossibili e, come già detto, dovrebbero essere prese con le pinze. Ciononostante, agenzie professionali di previsione cercano di calcolare il prezzo in base ad algoritmi e analisi tecnica. Prendendo in considerazione le medie, possiamo dare una stima in base a ciò che hanno da dire gli esperti. Dunque, in media, prevedono i seguenti prezzi:

2023: €39.766 
2024: €58.393 
2025: €74.448 

Fai sempre trading con cautela. Questi prezzi sono medie ma possono cambiare a seconda dei cicli rialzisti e ribassisti. Un esempio di questo è il dimezzamento di Bitcoin del 2024. Il dimezzamento di Bitcoin del 2024 avrà un forte impatto sul prezzo, ma è molto probabile che una vendita sia inevitabile una volta che il dimezzamento sarà completato. Queste medie e molto altro possono verificarsi in un breve periodo di tempo. Come sempre, tieni gli occhi aperti sugli ultimi sviluppi per assicurarti di essere ben preparato.  

Previsioni su BTC a breve termine

Tradingview crea aspettative a breve termine basate su indicatori tecnici, che indicano se è un buon momento o meno per acquistare a breve termine:

Interessati a BTC?

Su Anycoin Direct è possibile   acquistare BTC in modo semplice e veloce.